Artemisia in cosmesi: varietà e proprietà

artemisia in cosmesi

    Sapevi che ci sono tante varietà di artemisia in cosmesi? Hanno svariate proprietà e una storia antica, scopriamole insieme!

    L’artemisia è una pianta erbacea infestante della famiglia delle asteracee e ha oltre 350 varietà. Utilizzatissima fin dall’antichità, considerata magica e perciò impiegata in riti religiosi, è presente da secoli anche nella medicina tradizionale cinesse, coreana e indiana e rappresenta un valido alleato sia come infuso che nella cosmesi.

    La troviamo citata anche nei trattati di medicina di Ippocrate, come rimedio per espellere la placenta, Dioscoride la consigliava per accelerare il parto, Greci e Romani la usavano sovente contro il malocchio, ma più di tutto è ricordata come la pianta delle donne, per il suo potere antispasmodico è ancora oggi alla base di preparati per ridurre i dolori da ciclo mestruale. Infatti si dice che il suo nome derivi da quello della dea greca della caccia Artemide, simbolo della verginità e delle iniziazioni femminili e correlata alle fasi lunari.

    Inoltre l’artemisia è la pianta utilizzata per la preparazione della moxa (dal giapponese moe kusa, che significa “erba che brucia”) una pratica della medicina tradizionale cinese e giapponese che prevede l’avvolgimento delle foglie di artemisia vulgaris a mo’ di sigaro per poi bruciarlo e avvicinarlo a punti specifici del corpo per alleviarne i disturbi.

    Nel 1976 è stato isolato il suo principio attivo, l’artemisina, utilizzato contro la malaria e oggetto di studi come antitumorale.

    artemisia in cosmesi

    Proprietà dell’artemisia in cosmesi

    Conosciuta come erba curativa, l’artemisia in cosmesi è nota per le proprietà antiossidanti, antibatteriche e lenitive, spesso utilizzata in cosmetici per pelli sensibili, soggette ad arrossamenti o con malattie dermatologiche come rosacea, eczema e psoriasi.

    Dalle foglie, fiori e dalla radice si possono ricavare estratti ricchi in flavonoidi, terpeni, steroli e ovviamente l’olio essenziale.

    Di artemisia in cosmesi esistono diverse varietà e ognuna esplica le sue proprietà.

    Artemisia Annua, conosciuta come Assenzio annuale o Qinghao in Cina e Ssuk in Corea: il suo estratto ha proprietà antimicrobiche e antiseborroiche, per questo è spesso utilizzata nei prodotti per capelli contro la forfora o in quelli viso per dermatiti e acne.

    Artemisia Vulgaris, nota anche come Artemisia comune, Erba del brigante o assenzio selvatico: dai fiori e dalle foglie si ricava un estratto ricco in antiossidanti, che protegge la pelle dall’azione dei radicali liberi e ha un effetto emolliente. 

    Artemisia Princeps, chiamata anche Artemisia coreana, Assenzio giapponese o Yomogi: ha proprietà antiossidanti, umettanti e lenitive ed è spesso utilizzata nei balsami per capelli.

    Artemisia Capillaris, detta anche Artemisia orientale: dai suoi fiori, dalle foglie e dagli steli si ricava un estratto antiossidante e idratante.

    artemisia in cosmesi

    Esistono poi anche altre varietà di artemisia in cosmesi: 

    • l’Artemisia Montana, dai cui fiori si ricava un olio essenziale noto per le proprietà emollienti; 
    • l’Artemisia Pallens, conosciuta come Davana, utilizzata soprattutto come profumante in cosmesi, ha origini antichissime nella medicina ayurvedica (in India si chiama infatti Marathi) come afrodisiaco e rilassante; 
    • l’Artemisia Glacialis o Genepì, con proprietà umettanti ed elasticizzanti.

    Infine ci sono altre due varietà di Artemisia molto conosciute:

    Artemisia Absinthium, il famoso Assenzio (Maggiore o Romano). Apparso per la prima volta in un papiro egiziano nel 1600 a.C. diventò famoso alla fine dell’ottocento quando un medico francese, Pierre Ordinaire, ne ricavò un liquore che diventò la panacea di poeti e artisti della Belle Epoque come Baudelaire, che lo cita nei “Fiori del Male”, o Degas, che lo usa per intitolare uno dei suoi celebri quadri. In cosmesi ha proprietà idratanti, anti microbiche e tonificanti ma è molto utilizzato anche per le profumazioni.

    Artemisia Dracunculus, meglio conosciuta come Dragoncello o Estragone, in cosmesi è utilizzato per le proprietà astringenti.

    L’artemisia in cosmesi coreana la ritroviamo anche nominata come Mugwort, dall’inglese Mug, boccale e Wort, mosto, perché rappresentava una bevanda antispasmodica da bere in condizioni di stress psichico e fisico come sedativo.

    Ecco alcuni prodotti a base di Artemisia presenti su MoodySkin:

     

    Disclaimer

    Moodyskin si impegna a garantire l'accuratezza di immagini e delle informazioni dei prodotti in vendita, tuttavia modifiche riguardanti l'imballaggio e/o gli ingredienti da parte dei produttori potrebbero essere in corso di aggiornamento sul nostro sito. I prodotti possono essere spediti occasionalmente in confezioni alternative da parte del produttore, ciononostante si garantisce l’originalità e la freschezza del prodotto. Si prega di leggere attentamente le etichette, le istruzioni e le avvertenze riportate sulle confezioni originali, tenute costantemente aggiornate dallo stesso produttore; facendo riferimento alle informazioni sul sito solo ed esclusivamente a titolo informativo. In nessun caso le informazioni presenti sul sito, costituiscono la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non sostituiscono il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. Se si hanno dubbi in merito all'utilizzo di un prodotto, per sostanze o ingredienti in esso contenuti, si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o dello specialista riguardo qualsiasi indicazione riportata sull'etichetta del prodotto ed eseguire un patch test al primo utilizzo. Moodyskin non risponde in alcun modo riguardo sensibilizzazioni o allergie personali agli ingredienti del prodotto riportati sull'etichetta della confezione originale, oltremodo non possono essere considerate difetto del prodotto stesso.