Skincare asiatica: quando la K-Beauty incontra la J-Beauty

In questa sezione la skincare coreana diventa skincare asiatica, abbiamo deciso di spingerci oltre i confini della Corea, per dar voce alla bontà di altri cosmetici provenienti dall’Oriente. 

Il nostro viaggio inizia quindi nel lontano Giappone! Qui potete trovare una selezione di cosmetici giapponesi per la vostra J-Beauty; ma se volete saperne di più sulla nuova routine di bellezza che vi proponiamo, vi invitiamo a leggere qualche notizia in più qui a fondo pagina!

Buona skincare giapponese!

    J-Beauty: una tradizione millenaria

    La Japan Beauty ha tradizione millenaria, le sue radici affondando nel sesto secolo nel periodo Heian (794), e hanno fondamenta nel rituale giapponese legato all’acqua; già a quell’epoca infatti le donne giapponesi raccoglievano la rugiada per utilizzarla come essenza addolcente.

    Il loro legame all’acqua, onnipresente nella loro quotidianità, è molto forte, i loro giardini e le loro case riproducono gli Onsen giapponesi, le stazioni termali frequentatissime dalla popolazione.

    Oggi la J-Beauty è il connubio tra il rispetto di quella tradizione millenaria e l’innovazione di un popolo sempre rivolto alla modernità. In Giappone girando per le strade si percepisce tutto questo desiderio di mantenere le tradizioni e la saggezza del passato in linea con una modernità in continuo miglioramento, tanto che questo concetto in Giappone è presente proprio come filosofia “Kaizen”.

    La Skincare Giapponese ha il carattere umile e discreto del suo popolo, un rituale semplice che si pone a metà strada tra la beauty occidentale e quella coreana. La J-beauty utilizza meno prodotti e quindi meno step che scendono a 7, ma integrano la skincare con il massaggio e le sue tecniche per ottenere risultati più performanti dai loro prodotti nella routine quotidiana, tutto ciò in funzione di prevenzione all’invecchiamento cutaneo, per i giapponesi un concetto quindi di bellezza a lungo termine.

    Il massaggio giapponese

    Stimolare la circolazione del viso e rinforzare i muscoli facciali è lo scopo del massaggio giapponese Korugi. I gesti, che utilizzano la forza dei pugni, rientrano nella quotidianità della routine giapponese, e sono semplici tanto che il massaggio Korugi può essere realizzato anche da voi a casa. La tecnica del massaggio Korugi aiuta a mantenere il viso tonico e sgonfio e un aspetto giovane.

    Il massaggio in sé è piacevole e rilassante, ma soprattutto un momento intimo che i giapponesi si regalano in momenti particolari o nel relax della sera; anche se piccoli gesti che richiamano i canoni del massaggio si ritrovano in ogni step della beauty routine, dalla detersione oleosa all’applicazione del siero.

    Abbiamo pensato di proporvi il massaggio nella versione integrale in questo video realizzato da Gadjetlily a questo link

    massaggio korugi

    L’approccio olistico della J-Beauty alla skincare

    Ma la Japan Beauty è anche approccio olistico alla skincare: la ricerca di una beauty delicata che sia in sintonia con i cinque sensi è essenziale; i cosmetici giapponesi hanno così profumazioni delicate che non siano di disturbo alla percezione sensoriale di altri odori olfattivi o sapori; tanto che molti prodotti sono addirittura privi di fragranze; le confezioni dei prodotti cosmetici giapponesi sono lisce e facili al tatto.

    La bellezza si traduce quindi in esperienza emotiva, per sentirsi bene con sé stessi ed essere rispettosi nei confronti degli altri.

    Il concetto di morbidezza nella Skincare Giapponese

    Questa sobria perfezione e la ricerca nella delicatezza alla base della J-Beauty portano a un tema ricorrente, il concetto di “morbidezza” onnipresente nei cosmetici giapponesi: “ Mochi-Hada” o pelle di Torta di Riso, un dolcetto tipico molto morbido, è un paragone ampiamente utilizzato.

    Questo concetto di morbidezza ha sostituito l’utilizzo di tonico ed essenza con le lozioni idratanti. Ecco che due steps della skincare coreana sono stati sostituiti con un unico step iniziale dopo la fase del double cleansing nella skincare giapponese.

    I cosmetici giapponesi proposti in questa sezione possono essere integrati nella vostra routine coreana, utilizzandoli semplicemente per la funzione che hanno. Ma per chi si approccia per la prima volta alla cura della pelle asiatica, qui di seguito indichiamo tutti i passaggi della J-Beauty.

    mochi hada

    Guida ai passaggi della J-Beauty

    Detersione oleosa e struccaggio

    Rimuovere il trucco e lo sporco grasso della pelle, con l’utilizzo di un olio struccante.

    Detersione schiumogena

    Rimuove lo sporco secco e i residui del detergente oleoso, si utilizza un detergente schiumogeno.

    Lozione tonica

    Nella J-Beauty si chiama Lotion, termine che si ritrova sulle confezioni del prodotto, è il tonico giapponese idratante, ha il compito di ammorbidire la pelle e funge da doppia idratazione insieme alla crema. Se vuoi saperne di più abbiamo dedicato un blog informativo proprio alla Lotion giapponese.

    Idratante

    E’ il secondo passaggio di idratazione dopo la lozione. Sono utilizzate le emulsioni o le creme dalle texture molto leggere per conferire la famosa Mochi-Hada.

    Crema protettiva solare

    Intransigenti i giapponesi in questo passaggio; la protezione della pelle con una crema solare non può mancare nella J-Beauty! La filosofia di una bellezza a lungo termine deve poter garantire un invecchiamento ritardato nel tempo; necessario e indispensabile quindi proteggere la pelle dal maggior stress ossidativo: le radiazioni solari.